Scampia: Prende fuoco il campo rom, nessun ferito

5 settembre 2010
I nostri articoli
 

             

Scampia, Napoli. 4 Settembre 2010. Nel Campo Rom di Via Cupa Perillo, sotto il ponte del'asse mediano a scampia, è divampato un incendio di grosse dimensioni, una nube di fumo nero ha ricoperto tutta quella zona  e per domare le fiamme e scongiurare una presunta strage sono accorsi sul posto ben quattro autobotti dei vigili del fuoco che, sono riusciti a spegnere i focolai. Per fortuna nessun ferito e nessun intossicato, solo un grande spavento e l'intervento, il quarto in pochi giorni nello stesso posto, dei vigili del fuoco. Sulla causa dell'incendio c'è da fare ancora chiarezza ma si pensa che sia stato generato dal fuoco appiccato da ignoti per liberare dei rivestimenti di plastica fili di rame, probabilmente provento di furto.

al via domani 22 giugno gli esami di maturità.... 28500 gli studenti non ammessi

21 giugno 2010
I nostri articoli

Domani, 22 giugno, partiranno gli esami di maturità, edizione 2010. Quasi 550mila gli studenti coinvolti, poco più di 140mila docenti (suddivisi in circa 28mila commissioni), per una spesa annua complessiva di 200 milioni di euro. E dal 2012, con una terza prova tutta nuova di zecca: i quiz a risposta multipla elaborati dall'Invalsi, a carattere nazionale, che prenderanno il posto del caro, vecchio "quizzone", gestito ora dalle singole commissioni d'esame. A pochi giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (lo scorso 17 giugno) dei 3 regolamenti, che riscrivono le nuove superiori targate Gelmini, parte il conto alla rovescia per il più classico (e temuto) dei riti moderni che "sanciscono" la crescita di un giovane: l'esame di maturità.

Per arrivarci, quest'anno, i ragazzi hanno dovuto sudare un po' di più. Almeno a leggere i primi dati sugli studenti non ammessi: poco meno di 29mila, lo 0,6% in più rispetto allo scorso anno, a testimonianza di una maggiore severità della prova voluta da Viale Trastevere, che, con il nuovo regolamento sulla valutazione degli studenti, varato nel 2009, ha circoscritto l'ammissione all'esame ai soli ragazzi in possesso del 6, e quindi la sufficienza, in tutte le materie, condotta inclusa. A differenza dello scorso anno, dove invece bastava la media del sei). Un giro di vite che ha gettato nel panico tanti studenti, ma anche parecchi professori, "costretti" alla fine a correggere al rialzo qualche 5 per evitare uno stillicidio di bocciati. Del resto, una certa "indulgenza" era stata "avallatta" anche dallo stesso ministro Gelmini, che poco prima dell'inzio degli scrutini aveva "sollecitato" i docenti ad applicare un principio di buon senso, evidenziando «che, comunque, con un solo 5 non si sarebbe bocciato nessuno».

Nessuna particolare novità sul fronte commissioni, on line sul sito di Viale Trastevere dallo scorso 25 maggio, che si insedieranno domattina nella scuola, sede d'esame. Sono ormai 3 anni che le commissioni degli esami di maturità sono tornate a essere miste: 3 commissari interni, 3 esterni e un presidente, pure esterno. La novità, invece, di quest'anno (per una calendarizzazione delle prove, tutt'altro che lungimirante) sarà che i ragazzi saranno chiamati a svolgere le 3 prove scritte (tema d'italiano, uguale per tutti, secondo scritto diverso da indirizzo a indirizzo, e "quizzone", elaborato dalle singole commissioni), senza il tradizionale fine settimana di "respiro" tra il secondo e l'ultimo scritto. Lo stacco ci sarà ugualmente, ma sarà di un solo giorno. La prima prova, infatti, il tema d'italiano, si svolgerà martedì 22 giugno, la seconda, di indirizzo, (greco, al classico, matematica, allo scientifico), ci sarà il giorno successivo e per la terza prova, l'appuntamento è fissato per il 25 giugno.

Una quarta prova scritta si effettuerà solo nei licei con sezioni a opzione internazionale (inglese, francese, spagnolo tedesco), nei licei classici europei e in alcuni indirizzi linguistici e verterà sulle materie specifiche d'indirizzo. Sarà in programma, su tutto il territorio nazionale, il 25 giugno. Altra novità di quest'anno è l'esame preliminare per i privatisti, sui programmi dell'ultimo anno di corso, che è stato già svolto nei giorni scorsi. Soltanto coloro che hanno ottenuto almeno tutti 6 sono stati ammessi agli esami di maturità.

Ribassi benzina.

20 maggio 2010
I nostri articoli
 

Buona partenza per Piazza Affari,aprono in rialzo anche le altre borse europee. A Londra il Ftse-100 sale dello 0,53%. Il Cac-40 di Parigi sale dello 0,30%. Avvio in crescita anche per la Borsa di Francoforte: il Dax guadagna lo 0,57%.

PROSEGUE IL RIMBALZO EURO, SUPERA QUOTA 1,24 DOLLARI - L'euro ha continuato ad apprezzarsi in mattinata, volando oltre la soglia degli 1,24 dollari; un livello comunque già superato durante la notte verso la chiusura delle contrattazioni a New York. Sul mercato, ieri, erano circolate voci di possibili interventi della Banca centrale europea a sostegno della divisa unica, che in mattinata aveva segnato un nuovo minimo di quattro anni a 1,2144. L'euro viaggia a 1,2360 dollari nei primi scambi europei dopo aver segnato 1,2438.

BENZINA: INIZIANO RIBASSI, -2 CENT PER AGIP SU VERDE E DIESEL - Dopo quasi una settimana di prezzi dei carburanti immobili e del petrolio in discesa, iniziano i ribassi su benzina e diesel. Secondo il monitoraggio di Quotidiano Energia, Agip ha tagliato di 2 centesimi i prezzi di benzina e diesel, scendendo cosi' rispettivamente a 1,406 e 1,265 euro/litro. Restano ferme tutte le altre compagnie. Secondo Quotidiano Energia, l'ennesimo passo indietro delle quotazioni internazionali di benzina e diesel, che alla chiusura di ieri hanno perso rispettivamente circa 27 e 21 dollari a tonnellata, arretrando al di sotto di 680 dollari e attorno a 642 dollari, e la recente impennata dei margini lordi delle compagnie (da non confondere con i profitti in quanto comprensivi anche dei costi di filiera, tra cui la remunerazione del gestore, i costi distribuzione e la commercializzazione) ha favorito un passo indietro da parte di Agip.

 
 

scampia: 14 arresti

18 maggio 2010
I nostri articoli

 


 

 

(ANSA) - NAPOLI, 18 MAG - Quattordici persone accusate di spaccio di droga nel quartiere di Scampia, sono state arrestate dai carabinieri di Napoli. L'epicentro della vendita di marijuana e hashish nella torre A2 di Scampia, un palazzo fortificato di 10 piani accessibile solo da una rampa pedonale bloccata dagli spacciatori con cancellate in ferro. Le operazioni di spaccio, controllate dal clan degli scissionisti del clan Di Lauro. Secondo gli investigatori, dietro lo spaccio, anche la connivenza delle famiglie dello stabile che, in gran parte, ne traevano sostentamento. Per monitorare le attivita' di spaccio, i militari hanno messo in piedi un sistema di controllo dai tetti degli edifici vicini. Dopo i primi arresti, i militari hanno anche avviato intercettazioni ambientali e telefoniche che hanno consentito di scoprire altri elementi utili alle indagini come 'l'indennita'' pagate alle famiglie degli affiliati arrestati: 100 euro a settimana per un reato qualsiasi e 200 a settimana se invece l'arresto era avvenuto mentre era in corso lo spaccio. Durante le indagini, condotte dai carabinieri da settembre a dicembre dell'anno scorso, sono state sequestrate ingenti quantita' di hashish e marijuana, 4 fucili, 3 scacciacani modificate, 180 cartucce di vario calibro e segnalati al prefetto numerosissimi acquirenti.

Benvenuti

16 maggio 2010
I nostri articoli
 
 

 

La Voce Dei Giovani vi pone il benvenuto nel nostro sito!

 

In questa sezione, aggiornata in modo continuo, troverete le varie news, le date di uscita dei giornalini, le manifestazioni, gli orari delle riunioni e tutto ciò che avrà importanza rilevante all'interno del sito.

Vi ricordiamo che per richiederci informazione potete mandarci una mail usando l'apposito modulo CONTATTACI, per lasciarci un messaggio, fareste cosa gradita, usate il modulo presente nella sezione GUESTBOOK
 

Sakineh Mohammadi Ashtiani, nuova condanna per la donna iraniana

4 settembre 2010
I nostri articoli
 
Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione, avrebbe subito una nuova condanna a 99 frustate "con la falsa accusa di diffondere corruzione e indecenza" per una foto dove la donna posava senza veli. Questa la denuncia e del figlio della donna Sajjad Ghaderzadeh, che ha diffuso il 3 settembre una lettera aperta pubblicata su internet dall''International Comittee against executions. "Mia madre - ha scritto Sajjad - e' stata convocata dal giudice che si occupa della cattiva condotta in carcere ed e' stata condannata a 99 frustate sulla base della falsa accusa di diffondere la corruzione e l'indecenza diffondendo quella foto di una donna senza velo che che si presume erroneamente che sia lei". "Non sappiamo - ha spiegato il figlio di Sakineh - come il Times sia venuto in possesso di questa foto". Sajjad spiega comunque di essere venuto a sapere che la foto sarebbe stata fornita al giornale dall'ex avvocato di sua madre, Mohammad Mostafei, fuggito in Norvegia nei giorni scorsi. All'avvocato la famiglia Sakineh avrebbe tolto l'incarico giorni fa dopo avergli versato una somma di circa 20 milioni di rial, circa 1560 euro. "Purtroppo - ha continuato Sajjad - continuano a giungerci i suoi commenti".
 

Finanziaria, ecco i contenuti

28 maggio 2010
I nostri articoli



Potrebbe essere varata la prossima settimana la nuova manovra finanziaria messa a punto dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti.

Il nuovo pacchetto studiato da Tremonti, che dovrebbe avere un’entità tra i 27 e i 28 miliardi di Euro, prevede il rafforzamento degli incentivi alla produttività del lavoro, la proroga della sospensione delle tasse per i terremotati dell’Abruzzo, e una probabile conferma del blocco del turn-over nella pubblica amministrazione. Ma, soprattutto, si parla di misure restrittive che immaginano tagli degli stipendi di politici e manager della pubblica amministrazione (tra il 10 e il 15%), stretta sulle pensioni di invalidità, eliminazione di enti inutili e di nuovi strumenti per fare in modo che con un potenziamento della contrattazione decentrata sia possibile legare sempre di più il salario alla produttività delle imprese. Nel pubblico impiego, invece, bisognerà studiare nuovi metodi per rendere le progressioni automatiche dei salari più selettive. Non devono essere toccate, invece, sanità, previdenza, comuni e università.

L’Italia ha bisogno di approvare la nuova manovra finanziaria in tempi brevi perché il 7 giugno i ministri delle Finanze dell’Eurogruppo dovranno incontrarsi per confrontare le misure cui i vari Paesi vogliono affidarsi per far fronte alla crisi. L’Italia dovrà cercare di dare l’esempio: bisogna dimostrare che è possibile superare questo difficile momento per l’economia internazionale lottando contro gli sprechi e l’evasione, e non aumentando le tasse o abbassando gli stipendi, come invece sta succedendo in alcuni paesi Europei.


 

Finanziaria, no a tasse più elevate, si preoccupino evasori.

19 maggio 2010
I nostri articoli
 

BRUXELLES - "L'Italia ha ricevuto nel dicembre scorso indicazioni dalla UE per la correzione dei propri conti pubblici. Noi intendiamo rispettare quegli impegni e quei numeri. Non c'é stato chiesto nient'altro": queste le parole dell'on. Giulio Tremonti, ministro dell'economia, nel corso della conferenza stampa seguita alla riunione dell'Ecofin a Bruxelles.

"E' ora di ridurre effettivamente il peso della mano pubblica", ha aggiunto in riferimento alla manovra di bilancio a cui il Tesoro sta lavorando. Il ministro  non è entrato nel dettaglio delle misure a cui si sta lavorando, limitandosi a dire, "dovranno preoccuparsi solo i falsi invalidi e gli evasori".

"Se lei mi chiede se stiamo stravolgendo il sistema pensionistico le dico di no, perché funziona bene", abbiamo il sistema previdenziale più stabile d'Europa",

"Non aumenteremo le tasse e non ci saranno interventi sui più deboli", ha assicurato Tremonti. "Non metteremo le mani in tasca ai cittadini - ha aggiunto - ma ridurremo la spesa pubblica lì dove è meno produttiva e dove non ha un effetto recessivo". "Ho sentito parlare di tagli agli stipendi dei parlamentari dell'ordine del 5%. Mi viene da sorridere. Per me è solo un aperitivo".

Morti due italiani sul frante afghano

17 maggio 2010
I nostri articoli
 
 
 

17/05/2010: Due soldati italiani sono stati uccisi e altri due, sono stati gravemente feriti in seguito ad un attacco subito nel nordest dell'Afghanistan. I soldati feriti non sono in pericolo di vita. E' stato un ordigno fatto esplodere contro un blindato Lince. Il fatto e' avvenuto alle 9,15 locali. I quattro si trovavano a bordo di un blindato Lince posizionato nel nucleo di testa di una colonna composta da decine di automezzi di diverse nazionalita'. Dalle prime ricostruzioni risulta che il veicolo colpito occupasse la quarta posizione lungo il convoglio che era in movimento. I feriti sono stati immediatamente evacuati presso l'ospedale da campo di Herat con elicotteri di Isaf. Massimo Fogari, capo ufficio pubblica informazione dello Stato Maggiore della Difesa, ha dichiatrato che l'attentato non è da valutarsi come attacco diretto al nostro paese.


La voce dei giovani è vicina alle famiglie delle vittime.

 

 

Realizzato con SitoInternetGratis :: Fai una donazione :: Amministrazione :: Responsabilità e segnalazione violazioni :: Pubblicità :: Privacy